Lecce: Chiesa di San Matteo

Terme in Emilia Romagna - Stabilimenti e centri termali in Emilia Romagna


Elenco aggiornato dei centri di cura termali in Emilia Romagna con informazioni dettagliate sulle località e sugli stabilimenti termali, sulle acque, sulle terapie ed i trattamenti previsti

 

Bagno di Romagna Terme - 56 km da Forlì-Cesena
Bagno di Romagna Terme. L’antico borgo, a 492 m di altitudine nell’alta valle del Savio, sorge ai bordi del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna. L’abitato mostra marcati caratteri della dominazione medicea, di cui fu un caposaldo, e conserva edifici medievali e rinascimentali come la basilica quattrocentesca di S. Maria Assunta, che reca in facciata parti dell’originario edificio romanico, e il Palazzo pretorio, adorno degli stemmi dei capitani inviati da Firenze per amministrare il territorio. La via di Bagno, importante tratto della via Romea – nel Medioevo insieme alla via Francigena una delle due direttrici viarie percorse dai pellegrini del Nord Europa diretti a Roma e considerata una delle più sicure dai cronisti dell’epoca – era organizzata con rifugi per la sosta; risaliva la valle del Bidente fino a Bagno, proseguiva per il passo di Serra, attraverso il quale varcava l’Appennino raggiungendo il Casentino e Arezzo.
Le Terme - Info utili

Bologna Terme
Bologna Terme. Bologna “la dotta e la grassa” non è semplicemente sede di una delle più antiche e rinomate università d’Europa ed esuberante capoluogo gastronomico e commerciale: la città felsinea ha fatto della cultura e della qualità della vita – il benessere economico che si sposa all’attenzione per l’ambiente e per i servizi al cittadino – la sua bandiera. All’interno di questo contesto bene s’inquadra la presenza di un complesso termale – a breve distanza dal centro, ai piedi del colle di S. Luca – e nello stesso tempo punto ideale per gite fuori porta attraverso le amene strade dei colli bolognesi.
Le Terme - Info utili

Terme di Brisighella - 43 km da Ravenna
Terme di Brisighella. È il principale centro della bassa valle del Lamone. Sovrastato da tre spuntoni rocciosi di selenite – che sostengono rispettivamente la Rocca manfrediana, la torre dell’Orologio e il santuario del Monticino –, è caratterizzato da un impianto urbanistico straordinariamente ben conservato. L’impressione che si ha nell’entrare nel borgo antico è quella di essere stati trasportati in un’epoca remota: tra il dedalo di viuzze acciottolate spicca la sopraelevata via degli Asini, interamente ricavata nell’infilata delle abitazioni e illuminata da una suggestiva sequenza di arcate ribassate. Brisighella è divenuta in questi ultimi anni un vivace centro di iniziative culturali e di valorizzazione del territorio; da segnalare, fra le altre, la festa medievale nel cuore dell’estate, con la suggestiva Battaglia dei fuochi: spettacolo pirotecnico dall’alto delle rocche.
Le Terme - Info utili

Castel San Pietro Terme - 22 km da Bologna
Castel San Pietro Terme. Castel San Pietro fu fondato tra XII e XIII sec. dai bolognesi in funzione difensiva; a causa della sua posizione – una sorta di porta d’accesso alla Romagna – il borgo fu spesso toccato dalle guerre e subì ripetute devastazioni fino a tutto il XVIII sec. e poi, di nuovo, durante la Seconda guerra mondiale. Delle antiche difese restano tratti delle cortine e il Cassero, coronato da merlature ghibelline, in cui si apre la porta ad arco ogivale con le fenditure per il ponte levatoio; quasi intatto invece è l’antico impianto urbano a vie ortogonali porticate. Numerose le attrezzature sportive negli immediati dintorni, a partire dal campo di golf (Club Le Fonti, a 1 km), piscine, palestra e campi da tennis.
Le Terme - Info utili

Castrocaro Terme - 11 km da Forlì-Cesena
Castrocaro Terme. Non distante dalla riviera romagnola, Castrocaro Terme digrada dolcemente verso la pianura da uno sperone di roccia su cui spiccano la rocca che fu di Caterina Sforza e il borgo medievale. Nota ai romani con il nome di Salsubium, ossia luogo ricco di acque salse, durante il Medioevo fu contesa tra lo Stato della Chiesa e diversi feudatari; solo nel 1403 Firenze ne conquistò il dominio completo, facendone il capoluogo della Romagna toscana.
Il voltone dell'Orologio, o porta di S. Nicolò (1371), dà accesso al borgo, nel quale si segnalano la parrocchiale dei Ss. Nicolò e Francesco e il palazzo Maiolani, che incorpora la torre di difesa dell'adiacente porta di S. Francesco. Più in alto, la cerchia fortificata interna, la Murata, racchiude la circolare torre dell'Orologio e, a destra, il battistero di S. Giovanni. La parte moderna dell’abitato si sviluppa nei pressi del fiume Montone dove si trova il Parco delle Terme con i padiglioni, il tempietto delle acque, il parco giochi, la zona concerti e l’attiguo parco fluviale su cui si affaccia anche il centro sportivo comunale.
Le Terme - Info utili

Terme di Cervarezza - 3 km da Reggio Emilia
Terme di Cervarezza. Cervarezza è un’amena località di villeggiatura circondata dai boschi di querce e castagni che risalgono le colline dal fiume Secchia al monte Campestrino. Il borgo, che fa parte del comune di Busana, esisteva già nel sec. XI; il nucleo originale, all’estremità dell’attuale abitato, è costituito da un intreccio di fitti vicoli sui quali prospettano antichi edifici. Cervarezza oggi rappresenta è un ottimo punto di partenza per visitare il Parco nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano segnato dal profilo piramidale del monte Ventasso, come pure i laghi del Cerreto e Calamone.
Le Terme - Info utili

Terme di Cervia - 23 km da Ravenna
Terme di Cervia. A una manciata di chilometri da Ravenna – già capitale dell’Italia bizantina – Cervia è un elegante centro termale e balneare, tra i maggiori dell’Emilia-Romagna. Conosciuta nell’antichità con il nome di Ficocle, fu distrutta nel 709 e ricostruita poi sull’area delle saline. Dell’influenza di Venezia, notevole tra XIII e XV sec., rimane traccia nella festa dello Sposalizio del mare, che si celebra da più di sette secoli nel giorno dell’Ascensione. Spopolatasi a partire dal XVI sec. per il clima malsano, fu ricostruita su progetto di Bellardino Berti, inviato da papa Innocenzo XII, tra il 1697 e il 1714. La città si dotò del primo stabilimento balneare nel 1882; lo sviluppo turistico fu in seguito favorito dalla creazione, nella prima parte del Novecento, di Milano Marittima al di là del canale delle Saline.
Le Terme - Info utili

Fratta Terme - 6 km da Forlì-Cesena
Fratta Terme. Le dolci colline coltivate a vite e a frutteto annunciano Bertinoro, considerato per la sua magnifica posizione panoramica il 'balcone della Romagna'. La cittadina conserva l’impianto medievale, cinto da mura con due porte d’accesso, ed è sovrastata dalla rocca, eretta intorno all’anno Mille e trasformata nel ’500 a uso residenziale.
Terra di vini, Bertinoro vanta una notevole produzione di Sangiovese e di Albana. Sul fondo della piazza della Libertà campeggia la curiosa colonna dell’Ospitalità o delle Anella, assunta a simbolo internazionale della buona accoglienza. A poca distanza dal centro si trova il parco che ospita gli impianti dello stabilimento termale, intorno ai quali è cresciuta la piccola borgata di Fratta.
Le Terme - Info utili

Monticelli Terme - 5 km da Parma
Monticelli Terme. A una decina di chilometri da Parma, città d’arte tra le più preziose d’Italia, salendo i primi declivi appenninici si incontra Monticelli Terme, isolato su un rilievo tra i torrenti Enza e Parma. La località fa parte del comune di Montechiarugol e conserva tracce del suo passato antico e medievale. Il centro è una base ideale per visitare Parma e gli eleganti castelli della provincia, ma anche per ripercorrere le vicende verdiane e quelle più remote di Matilde di Canossa.
Le Terme - Info utili

Porretta Terme - 60 km da Bologna
Porretta Terme. Situata sull’Appennino tosco-emiliano, in una bella conca a 400 m di altitudine alla confluenza del rio Maggiore nel Reno, Porretta Terme era nota per le sue acque già in età etrusca e romana. Il suo assetto urbanistico è fortemente caratterizzato dalla presenza dei corsi d’acqua: lungo il rio Maggiore si è sviluppato l’antico centro tre-quattrocentesco, con le piazze lunghe e strette, mentre la Porretta ottocentesca sorge in prossimità del Reno, lungo la cui direttrice si sono sviluppati gli assi stradale e ferroviario, nonché i moderni insediamenti termali. Tra le varie e numerose possibilità di svago e divertimento, si segnala in estate il Porretta Soul Festival, che dal 1988 vede esibirsi importanti interpreti di livello internazionale.
Le Terme - Info utili

Punta Marina Terme - 9 km da Ravenna
Punta Marina Terme. La località è a pochi chilometri da Ravenna, di cui costituisce una delle principali stazioni balneari, e nelle immediate vicinanze di una vasta pineta che ne favorisce il clima temperato. Punta Marina Terme ha spiagge larghe e sabbiose, adatte alle lunghe passeggiate o al più dinamico jogging, con molti percorsi vita attrezzati. Impianti sportivi (palestre, piscine, tennis, equitazione), discoteche e locali notturni completano l’offerta di svago e divertimento.
Le Terme - Info utili

Terme di Riccione - 11 km da Rimini
Terme di Riccione. Oggi è uno dei centri di villeggiatura più famosi della costa romagnola, ma fino al XIX sec. Riccione era solo un modesto villaggio dipendente da Rimini. Il suo sviluppo iniziò nel 1865 con l’istituzione della stazione ferroviaria e l’apertura, per opera del sacerdote Carlo Tonini, dei primi ospizi marini per i figli delle classi più povere. A partire quindi dall’ultimo ventennio dell'Ottocento Riccione ebbe una crescita rapidissima. Nel 1901 venne costruito il primo albergo e, per iniziativa della filantropa Maria Boorman Ceccarini (cui oggi è dedicato il viale principale della città), il porto-canale; nel 1921 il centro contava circa 5600 abitanti e disponeva di 13 alberghi e molte pensioni. Immersi nel verde, centinaia di villini si popolavano solo durante i periodi di vacanza. Dal 1922, anno in cui diventò comune autonomo, Riccione iniziò una nuova vita, diventando terreno di sperimentazione di una nuova concezione turistica, basata su una vera e propria industria del divertimento.
Le Terme - Info utili

Rimini Terme
Rimini Terme. A portare dentro di sé qualcosa di Rimini sono tanti in Italia, anche chi quella città non l’ha mai vista. Nell’immaginario italiano del '900, Rimini è la vacanza per eccellenza; ma è anche quel 'luogo esistenziale', descritto magistralmente da Fellini nel film I vitelloni, in cui intere generazioni di italiani si sono riconosciute. Ma l’immagine da rotocalco che la pubblicistica ripropone continuamente offusca la città d’arte e appiattisce la percezione della vicenda storica riminese, che inizia nel 268 a.C. Costruita dai romani, Ariminum diventa capitale della Pentapoli marittima nel periodo bizantino e, durante il Rinascimento, vive un notevole sviluppo culturale sotto il dominio dei Malatesta. Passata allo Stato della Chiesa agli inizi del XVI sec., conosce un lungo periodo di declino, dal quale si risolleva solo dopo l’Unità. Molte sono le testimonianze architettoniche e artistiche sparse per la città vecchia: l’arco di Augusto, il ponte di Tiberio, i palazzi dell’Arengo e del Podestà, castel Sismondo, il Tempio Malatestiano, che vide all’opera grandissimi artisti come Leon Battista Alberti, Giotto e Piero della Francesca.
Le Terme - Info utili

Riolo Terme - 47 km da Ravenna
Riolo Terme. Conosciuto nel Medioevo con il nome di Castrum Aureliacum – uno dei trentasei castelli che la leggenda vuole esistessero nella valle del Senio – Riolo Terme conserva, oltre alla rocca, un nucleo medievale centrale, chiuso dai resti delle vecchie mura, rimasto praticamente intatto. Il borgo è immerso in un paesaggio caratterizzato da vigne, coltivi (da segnalare lo scalogno di Romagna, a cui dedica una fiera in luglio), oliveti e boschi prodighi di funghi, tartufi, erbe e frutti.
L’area che comprende Riolo Terme, Brisighella e Valsenio è ricca di testimonianze del passato: torri, mura fortificate, pievi, santuari, già teatro di cruente lotte che contrapposero comuni e signorie, oggi invitano alla meditazione e ispirano pensieri di pace.
Le Terme - Info utili

Salsomaggiore Terme - 32 km da Parma
Salsomaggiore Terme. Il nome Salsomaiore fu dato all’insediamento dai romani, che qui costruirono le prime saline per sfruttare un’acqua minerale particolarmente ricca di cloruro di sodio. La produzione di sale si accrebbe in epoca carolingia (IX sec.) favorendo lo sviluppo economico della zona. Solo in epoca moderna fu avviato lo sfruttamento termale delle acque e il primo stabilimento risale al 1847. Tra la fine dell’800 e gli inizi del '900 la località assunse importanza nazionale e poi europea e visse un’intensa stagione architettonica che la trasformò profondamente, secondo uno schema tipico delle 'villes d’eau' dell’epoca.
Oggi la cittadina, sulle prime alture dell’Appennino parmense, offre la sua piacevole atmosfera, venata di suggestioni liberty, déco ed eclettiche (gabbia del Pozzo Scotti, pensilina dell’ex Grand Hôtel des Thermes, Terme Berzieri, edificio delle Poste e stazione ferroviaria). Tra le attrattive locali il Poggio Diana club, con piscina e strutture sportive, un campo da golf a 18 buche, il parco fluviale dello Stirone, ricco di reperti fossili ammirabili anche presso il Museo paleontologico, e il nuovo giardino botanico delle piante officinali Gavinell.
Le Terme - Info utili

Salvarola Terme - 3 km da Modena
Salvarola Terme. Sono le secolari latifoglie e i sempreverdi a caratterizzare il paesaggio boschivo attorno a Salvarola Terme, sulla riva destra del fiume Secchia. Il borgo, situato a 178 m, fa parte del comune di Sassuolo, cittadina dalla lunga storia e oggi polo principale dell’industriale ceramica in Italia. Altrettanto antica è la storia delle acque termali, conosciute sin dall’epoca romana, come risulta dai reperti rinvenuti durante gli scavi effettuati nell’Ottocento, al momento della ripresa dell’attività balneo-termale.
Le Terme - Info utili

Sant’Andrea Bagni Terme - 7 km da Parma
Sant’Andrea Bagni Terme. Sulla sommità di un colle, tra boschi di querce e castagni, nella fascia a Ovest della valle del Taro, si trova Sant’Andrea Bagni, frazione di Medesano. Siamo in un dolce paesaggio di piccole valli e morbidi rilievi, che comprende Salsomaggiore Terme, Pellegrino Parmense, Varano de’ Melegari e Noceto: la cosiddetta 'collina pallaviciniana' feudo della nobile famiglia che, pur frazionato nel corso dei secoli, si mantenne compatto fino alla fine del sec. XVI. Restano a ricordo di questa lunga stagione castelli e rocche, spesso innalzati in posizione dominante.
Le Terme - Info utili

Tabiano Bagni Terme - 5 km da Parma
Tabiano Bagni Terme. Frazione del comune di Salsomaggiore Terme, l’antico borgo di Tabiano è situato al centro della provincia parmense. Situato tra basse colline in una valle lussureggiante, Tabiano Bagni vanta un imponente castello, eretto tra i sec. XII-XIII dai Pallavicino, potenti feudatari della zona. Le prime notizie relative alle fonti risalgono all’inizio del sec. XVII, ma solo nel 1838 si avviò lo sfruttamento delle acque a scopo curativo, per volontà di Maria Luigia d’Austria, vedova di Napoleone e duchessa di Parma.
Le Terme - Info utili

 

Altre località termali in Italia


Ilsonline - Scuola di Italiano per Stranieri ad Otranto
La scuola d'italiano per stranieri ILSONLINE è la migliore soluzione in Italia per una vacanza studio in Italia

Ilsonline - Scuola di Italiano per Stranieri ad Otranto

 
©2005 - Otranto.biz
Barbatelle Elisa di Rivombrosa News sul turismo in Italia